giardinetti latina manutenzine verde(7 Maggio 2015) Nonostante le pressioni delle indagini e della commissione Trasparenza la gestione del verde pubblico resta un problema ed è diventata una vera e propria emergenza rispetto alla quale il Comune di Latina arranca. «La cura del verde pubblico ha rappresentato da sempre uno dei talloni d’Achille di quest’amministrazione sebbene si tratti di una normale e ordinaria opera di manutenzione. Ma in questa città anche le operazioni di routine diventano un problema con un’amministrazione che nemmeno riesce a garantire il taglio dell’erba».

Il commento duro arriva dal consigliere del Partito democratico Omar Sarubbo che ha inserito la questione come primo punto all’ordine del giorno della commissione Trasparenza convocata per venerdì 8 maggio. «Solo pochi mesi fa – ricorda il presidente della commissione Trasparenza e consigliere del Pd – gli inquirenti hanno sequestrato (…) tutti gli atti necessari all’apertura di un’indagine sulle procedure di affidamento dei lavori di manutenzione del verde a cooperative e ditte esterne. Successivamente il segretario comunale, con un parere richiesto dal settore Bilancio del Comune, ha certificato l’illegittimità di tali affidamenti con i lavori che, pur trattandosi di ordinaria amministrazione, venivano aggiudicati con procedure di urgenza. Con la commissione Trasparenza ci siamo interessati immediatamente del caso e con il dirigente abbiamo concordato, previa acquisizione del parere da parte del segretario generale, che l’amministrazione avrebbe predisposto di lì a poco una gara unica annuale per l’affidamento del servizio di manutenzione verde».

Siamo a maggio e tutto è ancora fermo. I cittadini si lamentano dello stato di incuria in cui versano le aree verdi «e lo fanno a ragione perché la città – sottolinea Sarubbo – sembra una giungla, l’erba è altissima, le piante non sono state potate e molti parchi non sono utilizzabili. Per non parlare del verde all’interno dei cortili delle scuole comunali alla cui manutenzione pensano in molti casi i genitori degli studenti».

«Nel corso della riunione di venerdì – anticipa Sarubbo – chiederemo all’assessore e al dirigente competenti le ragioni dei ritardi nella chiusura dei bandi per l’affidamento del servizio di manutenzione del verde e le modalità con cui si intende affrontare quest’emergenza nell’immediato futuro. Vogliamo sapere dove risiedono le responsabilità di questi ingiustificati ritardi».

Nella stessa seduta, su richiesta del consigliere De Amicis, verrà anche affrontato il tema delle procedure per il piano di razionalizzazione delle società partecipate.

Annunci