Riscaldamento scuole e uffici. A Latina spendere meno si può, ma non si fa.

Termosifone(27 Marzo 2015) L’avvento delle stagioni invernali è un fatto assolutamente prevedibile e il riscaldamento per gli edifici pubblici e scolastici deve essere garantito per legge dal 15 Novembre al 31 Marzo dell’anno successivo.

Nonostante ciò, anche nel 2014 gli uffici comunali sono arrivati ad individuare il fornitore di gasolio solamente nel mese di Dicembre, ad inverno inoltrato, con una procedura di gara cominciata il 4 Novembre. All’esito della gara alla ditta aggiudicatrice vengono corrisposti circa 235mila euro per la fornitura invernale.

Con l’obiettivo di comprendere le ragioni di una procedura emergenziale e di favorire l’erogazione di un servizio a minor costo abbiamo convocato in audizione la dirigente Dott.ssa Bragaloni la quale nella relazione puntuale (…) e dettagliata consegnata alla Commissione Trasparenza ha confermato i nostri dubbi.

  • In primo luogo la procedura di individuazione del fornitore, per il prossimo anno, può e deve cominciare per tempo al fine di evitare (come successo in passato) di lasciare le scuole al freddo per qualche settimana
  • Anziché fare una gara per la fornitura annuale si potrebbe fare una gara triennale e questo determinerebbe un risparmio per l’ente perché, come stabilito dai tariffari CONSIP, se il Comune acquistasse un quantitativo maggiore di gasolio la ditta aggiudicatrice potrebbe applicare sconti maggiori tramite ribasso d’asta più consistente
  • Il Comune deve procedere al più presto alla conversione degli impianti di riscaldamento passando dal gasolio al metano. Questo consentirà un risparmio di decine di migliaia di euro all’anno ma, ad oggi, si registra un grande ritardo da questo punto di vista e solamente una scuola della nostra città ha ottenuto questo servizio
  • Le cisterne per contenere il gasolio (site presso edifici comunali e scuole) sono vecchie e piccole. Le ridotte dimensioni obbligano il fornitore a fare più viaggi con i mezzi di trasporto e questo determina una lievitazione dei costi di gestione e conseguentemente del servizio.

Crediamo che l’esame del caso effettuato oggi dalla Commissione Trasparenza abbia fornito tutti gli elementi utili a dirigenti e giunta comunale per avviare una fase di gestione maggiormente oculata di questo servizio al fine di determinare maggiore efficienza e un risparmio per le casse comunali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...