non disturbare(4 Febbraio 2015) Dando il quotidiano sguardo all’albo pretorio del comune di Latina mi ritrovo davanti una delibera di 5 giorni fa con la quale viene affidata ad una associazione del territorio la custodia del Museo di Satricum e la proroga della mostra ospitata sino a Novembre 2015. Buona notizia, mi viene subito da dire! Proseguendo nella lettura arrivo al punto in cui il testo recita “che nei giorni del 6 e 7 Novembre 2014 l’area di Satricum è stata interessata da copiose piogge che hanno determinato un parziale allagamento dei locali che ospitano la mostra e che per gli stessi la Sovraintendenza dei Beni culturali ha richiesto apposti interventi nel merito”. Come? Ma se i lavori di ristrutturazione e adeguamento sono terminati solo qualche mese prima come è possibile che a Novembre si sia allagato tutto? E perché una notizia così importante è passata in sordina? E’ chiaro che ora vogliamo sapere come tutto ciò è potuto accadere, come (e da chi) sono stati fatti i lavori, quanto sono costati e quanto costerà “rimetterci mano”. Per questo insieme a Nicoletta Zuliani (…) abbiamo chiesto una convocazione urgente della Commissione Cultura con audizione del responsabile comunale dei musei e quello dei lavori pubblici.

LETTERA SARUBBO/ZULIANI

c.a.      Cesare Bruni – Presidente Commissione Cultura

RICHIESTA DI CONVOCAZIONE URGENTE DELLA COMMISSIONE CULTURA.

Spett.le Presidente,

nelle premesse della Deliberazione n° 32/2015 del 29/01/2015 “PROROGA MOSTRA «SATRICUM. SCAVI E REPERTI ARCHEOLOGICI» INCARICO SERVIZIO CUSTODIA E SORVEGLIANZA SENZA ONERI A CARICO DELL’AMMINISTRAZIONE” emerge che, nonostante siano stati “realizzati diversi interventi di ristrutturazione e di completamento dei lavori necessari per la fruibilità delle sale e per l’allestimento del Museo di Satricum”, a soli cinque mesi dalla inaugurazione della mostra nei giorni del 6 e 7 Novembre 2014 l’area di Satricum è stata interessata da copiose piogge che hanno determinato un parziale allagamento dei locali che ospitano la mostra e che per gli stessi la Sovraintendenza dei Beni culturali ha richiesto apposti interventi nel merito”.

A tal proposito si chiede una audizione congiunta del dirigente Responsabile del Servizio Attività Culturale Direzione Musei e Pinacoteche e del Dirigente del settore Lavori Pubblici per conoscere:

– le motivazioni che hanno determinato gli allagamenti nonostante il lavori di ristrutturazione, adeguamento, completamento e messa in sicurezza fossero stati eseguiti pochi mesi prima;

– la porzione e il relativo costo dei suddetti lavori a carico del bilancio dell’amministrazione comunale;

– quali interventi dovranno essere nuovamente realizzati (o sono già stati realizzati) per mettere in sicurezza il sito in via definitiva ed evitare in futuro il presentarsi delle stesse problematiche;

– se le strutture e i reperti archeologici hanno subito danni.

Latina 4 Febbraio 2015

Omar Sarubbo

Zuliani Nicoletta

Annunci