futurama fry(Comunicato del 2 Agosto 2013) Scuola di Via Cimarosa e cimitero Borgo Montello: due temi all’apparenza profondamente differenti ma uniti dal destino comune della pessima gestione di cui si è discusso questa mattina in commissione trasparenza.

Il presidente della commissione, Omar Sarubbo, aveva convocato in audizione il dirigente Gentili del Comune di Latina per rispondere in merito alla perdita del finanziamento regionale di 480 mila euro per la sistemazione della scuola di Via Cimarosa (punto all’ordine del giorno su richiesta della consigliera del Partito democratico Nicoletta Zuliani)  e per affrontare l’ambigua vicenda relativa alla gestione del cimitero di Borgo Montello, come da richiesta del consigliere Chiarato.

La Regione ha revocato un finanziamento di 480 mila euro – concesso D.G.R: n. 183 del 27.03.2009  e destinato alla scuola di Via Cimarosa – perché il Comune di Latina ha omesso di inviare parte della documentazione (…) necessaria entro i termini previsti.

I lavori erano già stati aggiudicati dal Comune nonostante la copertura finanziaria non fosse ancora certa e ora, decaduto il finanziamento, tutto si è fermato a discapito della cittadinanza e in modo particolare di chi usufruisce della scuola materna.

A detta dell’ingegnere responsabile del procedimento le vie percorribili sono due: o la Regione Lazio, in deroga alla procedura regolamentare, renderà nuovamente disponibili le somme oppure il Comune, al fine di terminare l’opera, è costretto a inserire le somme tra i “debiti fuori bilancio” determinando un’uscita economica non prevista di quasi mezzo milione di euro. Un errore non da poco che rischia di costare molto alla città.

«Ormai non resta che “appellarsi alla clemenza” della Regione Lazio – spiega Sarubbo – che, in ogni caso, ha applicato la procedura alla lettera a differenza degli uffici del Comune di Latina che, in questo caso, hanno commesso non pochi errori».

«Una leggerezza da mezzo milione di euro non può essere pagata dai cittadini – commenta la consigliera Nicoletta Zuliani – dobbiamo sperare che la Regione abbia iscritto questo finanziamento, di cui non abbiamo certezze se non vaghe rassicurazioni ottenute in una generica telefonata riferita dal dirigente. Non possiamo accettare che i soldi per la scuola di Via Cimarosa finiscano come debiti fuori bilancio perché non essendo preventivate queste spese vanno a togliere risorse da altri interventi».

La commissione poi è passata a esaminare il caso del cimitero di Borgo Montello: c’è una denuncia fatta da privati cittadini al Comune di Latina nella quale si faceva riferimento al pagamento “in nero” di 400 euro al gestore del cimitero di Borgo Montello per lo smontaggio di due lapidi.

Il dirigente, che ha confermato l’accaduto, ha intimato con lettera del 16 Aprile alla ditta concessionaria di cessare immediatamente questo tipo di attività e di restituire le somme.

«La diffida da parte del Comune è stato un atto dovuto – commenta il presidente e consigliere del Pd Sarubbo – ma la Commissione Trasparenza, all’unanimità, ha approvato la proposta del consigliere Lucantonio di informare la Procura dell’accaduto. Non appena approvato, invierò il verbale della seduta della commissione trasparenza alla Procura della Repubblica affinché valuti l’eventuale necessità di procedere con le indagini».

I commissari vogliono “andare fino in fondo” per prendere le distanze in modo chiaro dalla vicenda e per capire se si è trattato di un pur grave fatto isolato oppure di uno sconvolgente fenomeno di malcostume in essere da più tempo.

«Sono due vicende dai contorni inquietanti – conclude il presidente Omar Sarubbo – sulle quali bisogna fare luce completamente e su questo tutta la commissione è d’accordo».

Annunci