sarubbo_porcari_(Comunicato dell’8 Maggio 2013) «Da due anni chiediamo che il Comune di Latina rediga il piano del commercio e i nostri appelli sono sempre caduti nel vuoto: oggi veniamo convocati in una commissione congiunta commercio e urbanistica con un ordine del giorno errato e un piano del commercio che non è nemmeno in bozza».

I consiglieri comunali del Partito democratico Fabrizio Porcari e Omar Sarubbo hanno partecipato questa mattina alla seduta della commissione congiunta, convocata per motivi inspiegabili e tutti da chiarire.

Un ordine del giorno dissonante per una seduta che si è rivelata non solo inutile, ma anche grottesca.

«Non si capisce il motivo di questa fretta e di questa convocazione repentina – dice Porcari – soprattutto (…) perché a parte qualche appunto vago di atti concreti non ce ne sono».

Afferma Sarubbo: «La legge sin dal 1999 impone ai Comuni l’adozione del Piano del commercio, fondamentale per regolamentare la dislocazione della grande distribuzione commerciale sul territorio comunale di Latina e per superare l’improvvisazione degli anni scorsi».

«Con 14 anni di ritardo veniamo convocati per discutere una bozza di piano – continua il Consigliere – giunti in commissione scopriamo dall’intervento dell’assessore Picca che, a parte qualche appunto sparso, il piano non c’è».

Il Pd spinge dall’inizio di questa legislatura affinché il Comune di Latina si doti di un progetto complessivo, integrato e definito per rinnovare non solo la distribuzione commerciale, ma che sia anche la base sulla quale costruire politiche per l’utilizzo del territorio, della mobilità e della qualità della vita in città.

«L’inerzia di questa amministrazione – concludono i consiglieri comunali Porcari e Sarubbo -continua a far danni alla città e a bloccare ogni forma di sviluppo pianificato e sostenibile. Ormai siamo alle comiche e speriamo solamente che nei prossimi giorni la maggioranza riesca a produrre qualche carta sulla quale riuscire a fare un ragionamento più serio al fine di poter fornire il nostro contributo di merito».

Annunci