Rimasti solo 18 posti al cimitero. Vietato morire!

vietato morire(Comunicato del 15 Febbraio 2013) Poco meno di venti posti al cimitero: questo è emerso questa mattina nella seconda seduta della commissione trasparenza voluta dal presidente Omar Sarubbo per discutere del mancato ampliamento del cimitero comunale di Latina.

Oggi la commissione avrebbe dovuto acquisire le carte e la relazione scritta del dirigente che però, a causa del trasferimento in corso degli uffici, ha chiesto una settimana in più di tempo per produrre tutta la documentazione necessaria.

Nella seduta della settimana scorsa, il responsabile del procedimento Ingegner Le Donne aveva esposto l’emergenza loculi che si è determinata a causa della mancata approvazione nello scorso mese di maggio della delibera di approvazione del progetto (…) definitivo dell’ampliamento.

«La discussione è proseguita comunque – spiega il presidente della commissione e consigliere comunale del Partito democratico Omar Sarubbo – e sono emersi nuovi interrogativi e alcune notizie importanti. Oggi abbiamo saputo che, nonostante alcune legittime comunicazioni a mezzo stampa del sindaco tese a rassicurare in merito alla vicenda, la società Ipogeo ha comunicato al Comune la disponibilità residua di soli 18 loculi. Notizia confermata dal consigliere di Città Nuove Gianni Chiarato che ha effettuato un sopralluogo personalmente. L’emergenza sembra dunque esserci eccome».

Su richiesta del Consigliere Marco Fioravante, inoltre, il presidente Sarubbo convocherà in audizione nella prossima seduta utile anche il Dirigente dei Servizi Demografici «per chiarire alla Commissione Trasparenza, e dunque a tutta la città – dice ancora il presidente – i passaggi chiave che hanno condotto il Comune a dover sborsare 500mila euro circa a copertura della manutenzione dei loculi che, a causa della mancata redazione di una anagrafe delle sepolture, il gestore non ha potuto riscuotere dai privati».

La discussione proseguirà la settimana prossima.

«Il nostro obiettivo è fare completa luce su una vicenda di interesse generale e cruciale per tutta la comunità sotto tutti gli aspetti: economico, sociale, sanitario – sostengono Omar Sarubbo e Marco Fioravante -. Solo facendo emergere la verità si possono prendere le decisioni amministrative più utili e in piena coscienza e conoscenza dei fatti. Vanno scongiurati emergenze e inaccettabili ulteriori costi per i cittadini, che si aggiungerebbero con cinismo al dolore di dover seppellire i propri cari».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...