Foce Verde e Foce del Duca. Da Comune e Provincia zero euro per la sistemazione.

foce verdePer due volte consecutive la Provincia è stata invitata a partecipare ai lavori della commissione Lavori pubblici del Comune di Latina ma ha disertato l’incontro senza motivare l’assenza.

L’audizione è stata prevista per discutere della sistemazione al mare del ponte di Foce Verde e della Foce del Duca che versano in uno stato di fatiscenza e sono pericolosi per l’incolumità delle persone.

“Queste assenze ingiustificate di Cusani o di un suo delegato – commenta il consigliere comunale del Partito democratico e presidente della commissione trasparenza Omar Sarubbo -, oltre a rappresentare un fastidioso sgarbo istituzionale, sono la manifestazione politica del disinteresse in merito alla (…) questione trattata. La famosa filiera del centrodestra che in questi anni avrebbe dovuto portare risorse e benessere nel nostro territorio è fallita miseramente e questi fatti ne sono un esempio lampante. Ormai i livelli istituzionali non comunicano più tra di loro”.

Qualche anno fa il Comune acquisì al proprio patrimonio le due strutture ma ora sostiene di non avere fondi sufficienti per metterle in sicurezza ed è quindi intenzionato a chiedere un contributo economico alla Provincia.

“L’accaduto testimonia anche l’approssimazione politica e la mancanza di programmazione con la quale il Comune pensa di poter governare – aggiunge il consigliere comunale del Pd Fabrizio Mattioli -: prima acquisisce delle proprietà dalla Provincia e poi non ha modo e risorse per mantenerle e metterle in sicurezza”.

Oltre a Comune e Provincia anche la Regione Lazio della Polverini ha responsabilità in merito.

“La Regione ha gestito un ricco bilancio ma non ho mai considerato prioritaria la difesa del nostro territorio – dicono i due consiglieri del Partito democratico -. La Polverini ha avuto altro a cui pensare. Molti progetti inseriti nel piano comunale delle opere pubbliche sono ancora in attesa di ricevere un contributo Regionale mai arrivato.

Per cercare di riparare a così tanti errori – concludono Sarubbo e Mattioli -, abbiamo aderito con senso di responsabilità alla proposta del presidente della commissione lavori pubblici di scrivere formalmente alla Provincia e a tutti i consiglieri provinciali del capoluogo per accendere un riflettore su questa spinosa vicenda”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...