Il presidente Omar Sarubbo convocherà l’ad di Latina ambiente per capire le reali intenzioni della società

Questa mattina la commissione trasparenza, presieduta dal consigliere del Partito democratico Omar Sarubbo, ha discusso della restituzione dell’Iva su Tia a seguito della sentenza della Corte di cassazione 3756 del 9 marzo 2012. Nel dibattito sono intervenuti tutti i gruppi.

«Siamo alla stretta finale – dichiara il presidente Sarubbo -. È chiaro che l’Iva illegittimamente incassata dalla Latina ambiente dal 2006 al 2009 va restituita e non ci sono alibi per nessuno».

Il Comune non ha ancora chiarito con quale formula intende garantire la restituzione ed entro quali tempi affinché i cittadini possano finalmente godere di questo loro diritto. (…)

«Per aiutare la riflessione – aggiunge il presidente – convocherò in commissione trasparenza l’amministratore delegato della Latina ambiente per raccogliere tutti i dati necessari alla discussione in corso. Chiederemo a Bertuccelli a quanto ammonta l’Iva da restituire, quanti cittadini hanno fatto ricorso fino a oggi, a quanti vincitori di ricorso presso la commissione tributaria la Latina ambiente ha restituito le somme e come la società che gestisce applicherà la sentenza».

In commissione questa mattina è stata discussa anche la richiesta del consigliere Di Matteo di fare chiarezza sulle procedure di interpello per la copertura degli incarichi dirigenziali di Servizio Attività Culturali e Servizio Tributi.

«Molti sono in effetti i punti da chiarire in merito alle procedure utilizzate ultimamente per la nomina dei dirigenti – specifica Sarubbo -. Per garantire che venga applicata la legge e perseguiti i principi di rotazione, trasparenza, qualità e professionalità sarà invitato in audizione nei prossimi giorni il Segretario Generale del Comune per chiarire gli aspetti normativi della vicenda».

Annunci