(Ufficio Stampa Gruppo PD del 5 Aprile 2012) Il presidente Omar Sarubbo porterà domani in commissione trasparenza la proposta di modifica alla delibera di istituzione del tavolo di confronto. Nonostante la scomposta reazione del consigliere di Progetto per Latina «Cosa teme il rappresentante della lista Cirilli e presidente della commissione ambiente che in campagna elettorale aveva fatto della “supertrasparenza” un cavallo di battaglia? Perché il rappresentante della Lista Progetto per Latina non vuole che i commissari della commissione che presiedo partecipino ai lavori del tavolo sulla discarica?» Così il presidente della commissione trasparenza e consigliare comunale del Pd Omar Sarubbo rispedisce al mittente gli attacchi scomposti del consigliere dell’Altra faccia della politica Lucantonio. Sarubbo aveva chiesto la modifica della delibera con la quale l’amministrazione istituisce un “tavolo di confronto permanente per la trasparenza sull’Area delle discariche di Borgo Montello, alla luce delle operazioni di scavo previste presso l’invaso individuato con l’acronimo S0”. (…) Il documento infatti esclude a priori la partecipazione della commissione trasparenza al tavolo. Un controsenso messo in luce da Sarubbo. Ma Lucantonio, sebbene non fosse coinvolto in alcun modo, ha scagliato la sua incomprensibile invettiva con una reazione scomposta nei confronti del presidente della commissione trasparenza. «Bene ha fatto Lucantonio a lanciarsi in una maldestra polemica personale, aspra e a tratti offensiva nei miei riguardi – commenta infatti Sarubbo -; finalmente tutti sanno che dietro la maschera del moderato c’è la vera faccia della sua politica: radicale, provocatore con scarso spirito democratico». Il consigliere Lucantonio grida allo scandalo perché il presidente della commissione trasparenza chiede all’assessore Cirilli di inserire tutta la Commissione Trasparenza tra gli invitati al tavolo della trasparenza che seguirà i lavori di scavo nella vasca S0 della discarica. Come mai? «Credevo e speravo che la “dimenticanza” del vicesindaco Cirilli fosse una svista – spiega ancora il consigliere del Pd – invece l’intervento di Lucantonio è la prova del dolo e dello sgarbo istituzionale». Il presidente Sarubbo ha convocato per domani mattina la commissione trasparenza (della quale anche il consigliere Lucantonio è membro) in seduta straordinaria: all’ordine del giorno la votazione del documento con il quale si chiede la modifica di quella delibera in cui la maggioranza prova a sbandierare trasparenza ma poi ignora la commissione trasparenza. «Per fortuna nel nostro Paese ancora vige la democrazia – conclude Omar Sarubbo – e dunque stia tranquillo il consigliere Lucantonio perché sarà chiamato a votare in merito a questa questione. A differenza sua io avrò in ogni caso, anche qualora votasse contro se stesso, rispetto della sua libertà di scelta».

Annunci