(Comunicato Stampa del 30 Marzo 2012) Riformeremo lo Statuto Comunale vecchio di 20 anni per innovare e semplificare la macchina amministrativa e per migliorare il funzionamento, la trasparenza, l’efficienza dell’Amministrazione.

Nella scorsa riunione della Commissione Trasparenza abbiamo convenuto di investire la Commissione Affari Istituzionali del proprio compito di riforma dello Statuto. La Commissione Affari Istituzionali è presieduta dal Sindaco della città alla quale ho chiesto formalmente, visti i suoi numerosi impegni, di consentire che i lavori della Commissione Affari Istituzionali venissero presieduti dal Presidente del Consiglio o da qualche altro membro della commissione stessa.

Il Sindaco ha dunque nominato Nicola Calandrini suo sostituto.

A questo punto possono cominciare i lavori di riforma dello Statuto che da anni vengono tentati invano.

L’intenzione è di arrivare ad una modifica sostanziale entro la fine dell’anno e di farlo costruendo un percorso largamente (…)partecipato che raccolga le istanze delle forze cittadine: politiche, sociali, culturali, civiche.

Saranno numerose le modifiche allo Statuto che verranno apportate. Alcune riguardano provvedimenti già presi come la diretta streaming dei Consigli Comunali o l’inserimento del Question Time come strumento snello e veloce di interrogazione della Giunta.

Altre importanti misure dovranno essere inserite e riguardano la valutazione delle performance della P.A., modernizzazione/informatizzazione della macchina amministrativa, partecipazione e coinvolgimento dei cittadini alla vita pubblica della città, pari opportunità, proposte di iniziativa popolare.

Un altro importante risultato ottenuto dalla Commissione Trasparenza in pochi mesi che, insieme a tutti i suoi membri, rivendico con orgoglio. 

Annunci