Tatticucce.

Ieri si è svolto il primo Consiglio Comunale della nuova legislatura del quale faccio parte. Evito di annoiarvi con le impressioni personali del mio “primo giorno di scuola” perché sono poco interessanti ed anche contrastanti tra loro e passo subito alla valutazione personale di quanto accaduto in aula durante la seduta del consiglio durata 8 ore circa.

La maggioranza è già in crisi e nonostante i generosi ed acrobatici tentativi oratori di alcuni consiglieri del centrodestra, dedicati a nascondere sotto il tappeto i problemi interni alla maggioranza, questi sono emersi in ogni caso in tutto il loro clamore anche perché dai banchi dell’opposizione non abbiamo perso l’occasione di evidenziarli.

Ilpresidente del Consiglio Nicola Calandrini è stato eletto solo con la terza votazione nella quale ha ottenuto 19 voti, 4 sono stati gli astenuti e 10 voti li ha ottenuti Nicoletta Zuliani. Per spiegare con i fatti la crisi in corso basta ricordare che tra i 4 astenuti ci sono i consiglieri della Lista Città Nuove che fa riferimento alla Presidente Polverini. Il motivo? Vogliono un assessorato e Di Giorgi non gliel’ha ancora dato. Eh si! Alta politica, signori.

Dal canto suo il sindaco ha formato una giunta che ha presentato come tecnica ma tecnica non è. Infatti tra gli 8 assessori troviamo Patrizia Fanti e Marilena Sovrani che sono state elette nelle liste dell’UDC. Quella davanti alla quale ci troviamo è una evidente “giunta balneare” destinata a durare un’estate. Il Sindaco non ha avuto problemi a riconoscere che a Settembre, alla ripresa del dibattito politico, potrebbe apportare qualche variazione. Traducendo questa dichiarazione possiamo prevedere con tranquillità che in autunno assisteremo al primo rimpasto di giunta. In più Di Giorgi non ha assegnato molte deleghe. Se le tiene buone per accontentare in futuro i pretenziosi di turno del PDL che non ha ancora indicato i propri assessori.

Alla fine abbiamo nominato i membri delle commissioni provvisorie Bilancio, LL.PP e Ambiente che si riuniranno giovedì. Il Consiglio è convocato per il 28, 29 e 30 Giugno. O.d.g. Discussione e Approvazione Bilancio Comunale ed altro.

Insomma la destra riprende da dove aveva lasciato: potere, ambiguità, “tatticucce”. La città ed i suoi problemi restano sullo sfondo ad aspettare.

PS L’odg sulla rottura del gemellaggio con Farroupilha non lo hanno più presentato e dunque non si è discusso.   

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...